Sanzioni ai fuorilegge del Web

post
ermes-comunicazione-web-marketing-realizzazione-siti-web

La creazione e gestione dei siti web e del web marketing associato diventa sempre più professionale, lasciando sempre meno spazio agli improvvisati del Web.
Il 2 giugno 2015 è entrata in vigore la nuova normativa sull’utilizzo dei cookie. I cookie sono informazioni immesse sul browser quando visitiamo un sito web o utilizziamo un social network con il nostro pc, smartphone o tablet.

Ogni cookie contiene diversi dati come, ad esempio, il nome del server da cui proviene, un identificatore numerico, etc..
I cookie quindi non sono altro che tracce, che, durante la nostra navigazione, lasciamo al nostro passaggio nella rete, quindi, mentre da un lato possono migliorare la nostra navigazione e consentono al proprietario di un sito di capire le “abitudini di navigazione”, dall’altro possono mettere a repentaglio sia la nostra privacy che la sicurezza delle nostre informazioni.

 

Esistono diversi tipi di cookie:

 

  • Quelli tecnici che tengono traccia delle nostre attività (ad esempio l’accesso a Facebook o alla posta elettronica) e memorizzano le preferenze dell’utente per “aiutarci” nella navigazione.

 

  • Quelli di proliferazione che creano profili relativi all’utente e vengono utilizzati per inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dallo stesso nell’ambito della navigazione in rete. Per questi cookie la normativa prevede che l’utente debba essere adeguatamente informato sull’uso degli stessi ed esprimere così il proprio valido consenso.

 

  • Quelli per l’integrazione di funzionalità di terze parti che, come dice la parola stessa, vengono utilizzati per integrare funzionalità di terze parti nel Sito, come ad esempio moduli per i commento altri link che consentono ai visitatori di condividere il contenuto del sito. I cookie di questa categoria possono essere inviati dai domini dei siti partner o che comunque offrono le funzionalità presenti nel sito.

 

 

Con la nuova normativa sui cookie, dal 3 giugno 2015 il loro tracciamento deve essere espressamente notificato ai visitatori attraverso adeguate informative. Quest’ultime, possono essere brevi o estese. L’informativa breve è fornita all’utente attraverso i cookie box, ben visibili all’utente, contenente le seguenti informazioni:

    • utilizzo di cookie di profilazione allo scopo di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall’utente durante la sua navigazione in rete;

 

    • consenso dell’invio di cookie “terze parti” (se questo accade):

 

    • il link all’Informativa Estesa che specifica come vengono utilizzati cookie tecnici e di analisi e spiega agli utenti come modificare le impostazioni del proprio browser per gestire il tracciamento dei cookie.

 

    • l’indicazione che è possibile negare il consenso al tracciamento dei cookie;

 

  • l’indicazione che la prosecuzione della navigazione comporta il consenso all’uso dei cookie.

 

 

Il proprietario del sito è tenuto a tenere traccia del consenso degli utenti, anche per non dover riproporre l’informativa sull’utilizzo dei cookie agli stessi visitatori durante visite successive.

 

L’informativa estesa, invece, contiene informazioni più dettagliate e può essere utilizzata dall’utente che non visualizza il banner con l’informativa breve per negare il consenso e/o modificare le proprie opzioni relative all’uso dei cookie da parte del sito. L’informativa estesa deve contenere:

  • caratteristiche e finalità dei cookie utilizzati;
  • possibilità per l’utente di accettare o negare i cookie che intende accettare durante la navigazione;
  • spiegazioni riguardo la possibilità di modificare le impostazioni del proprio browser riguardanti l’uso dei cookie;
  • eventuale link alle informative e ai moduli di consenso per i cookie di terze parti che operano in accordo con il proprietario del sito.

 

 

Nello specifico, per i cookie tecnici, il gestore del sito non è tenuto ad avere alcun consenso da parte dell’utente, ma deve comunque fornire una nota informativa, ai sensi dell’art. 13 del Codice. Per i cookie di proliferazione, invece, oltre all’informativa, serve anche il consenso specifico dell’utente all’utilizzo di questi cookie. Qualora siano installati cookie di terze parti, il gestore dovrà aggiungere all’informativa estesa i link alle informative di queste terze parti.

 

Il mancato rispetto della nuova disciplina comporta sanzioni gravi:

 

  • una multa che va da 6.000 a 36.000 euro per omessa o non idonea informativa
  • una multa che va da 10.000 a 120.000 euro per l’installazione di cookie sui terminali degli utenti in assenza del preventivo consenso degli stessi
  • una multa da 20.000 a 120.000 euro per omessa o incompleta notificazione al Garante.

 

 

La soluzione che rimane ai titolari di un sito web è quella di adeguarsi come meglio si può o affidarsi ad una Web Agency per evitare spiacevoli inconvenienti.

Leave a reply